logo sapiens arancione

DOS Group e la formazione degli apprendisti con la Gamification

DOS Group SA accoglie da sempre moltissimi apprendisti sia in ambito IT che Sviluppo.

Questo perché ha sempre tenuto a cuore i giovani e la possibilità di mostrargli come si lavora in un’azienda del settore e quali sono le opportunità che essa può offrire.

Una giornata o una settimana passata a studiare nozioni di programmazione complesse o ad ascoltare ore ed ore di presentazioni in linguaggio azteco, non è il massimo per dei/lle ragazzi/e giovani.

Studio MACACO in aiuto di DOS Group

Noi di Studio MACACO Sagl, facendo parte del Gruppo DOS, collaboriamo sempre su progetti o altre iniziative.

Simone Cimoli, Senior Mobile Developer e Head of Formation di DOS, ci ha chiesto un aiuto su come rendere la formazione degli apprendisti più dinamica e coinvolgente.

Pane per i nostri denti da MACACO.

Codecombat per imparare a sviluppare giocando

Una schermata di Codecombat

Codecombat è una piattaforma Web che permette, a seconda degli abbonamenti, di imparare diversi tipi di linguaggio mentre si sta giocando ad un classico gioco di ruolo.

L’apprendista sceglie il suo personaggio e si prepara ad affrontare una nuova avventura.

Ogni avventura che si rispetta ha delle sfide da affrontare, le così dette “Quest”. Per risolvere le diverse Quest il personaggio dovrà muoversi, combattere, ottenere informazioni e così via ed è qui che l’apprendista dovrà “codare” per far sì che tutto questo accada.

Ogni volta che l’apprendista riuscirà in un’impresa guadagnerà delle ricompense.

La piattaforma permette al formatore di tenere sotto controllo tutti i suoi apprendisti e di conoscere gli avanzamenti o i problemi che stanno riscontrando.

Vuoi adottare anche tu la Gamification per la formazione?

Anche tu, come DOS, vorresti adottare la Gamification nella formazione del tuo personale o dei tuoi apprendisti?

Richiedi una consulenza o visita il nostro sito per ottenere tutte le risposte alle tue domande sulla Gamification!

riguardo l'autore

Lucia Gambardella

Non smetto mai di disegnare, ma ho sempre l'altra mano libera per le shortcut, il cibo e le coccole al mio cane. Non so se amo più il cibo o il mio cane... Se proprio non sto disegnando, mi trovate a scolpire, a fallire nel bricolage, a giocare alla PlayStation, a maltrattare i programmatori, o a poltrire sul divano nella morte più totale. Ho 15 sveglie disattivabili solo dopo la risoluzione di calcoli matematici, ma comunque la forza gravitazionale del mio letto è troppo forte da contrastare. Perché oso chiamarmi artista? Perché la mia mente è sempre alla ricerca di realtà da trasformare a suo piacimento per poi trasferirle al mondo con lo strumento più esatto. Credo che ci sia qualcosa di bellissimo nel mondo nascosto anche nei suoi dettagli più oscuri e gli occhi degli artisti riescono a vederlo e a trasmetterlo a chi non ha la stessa fortuna.